Cercando un altro lessico PDF Stampa E-mail
rubriche - Daddy’s forever

he_said_she_saidSabato 19 marzo (festa del papà) e domenica 20 il Comune di Cernusco sul Naviglio, in occasione della festa del paese, ha portato in piazza tutte le sue attività, coinvolgendo come sempre accade le associazioni che con l'amministrazione collaborano. Anche Blimunde era presente con un proprio banchetto, e in quella occasione abbiamo distribuito materiali e volantini delle iniziative in campo, lo Sportello Donna e il Progetto Crescere Padri.

Nel distribuire (tra gli altri) il volantino della prossima assemblea di presentazione del progetto alle famiglie delle scuole elementari e medie, che si terrà il 29 marzo nella sala Conferenze della biblioteca comunale, ancora una volta ho toccato con mano la piacevole sorpresa e la curiosità degli uomini e delle donne che trovano, probabilmente per la prima volta, una possibilità di confronto al maschile sulla paternità. Distrattamente, molti padri con passeggino o bimbo in spalla tendevano ad evitare il foglietto di carta che porgevo, ormai piuttosto dimentico dei miei trascorsi di volantinatore per altre cause più ideologiche. L'atteggiamento variava molto, andando da chi faceva finta di non vedere il volantino, pur avendolo davanti agli occhi, fino a quello che, molto cordiale, tentava un simpatico "Ripasso più tardi!"

Una volta tanto ho avuto invece l'impressione di essere possessore di una formula magica quasi invincibile. Le parole "Iniziativa dedicata ai papà", da me pronunciate prima che il padre di turno svanisse tra la folla, aveva l'effetto di fargli strabuzzare gli occhi, bloccarne i movimenti, assumere un'impressione quasi scultorea.

Pochissime persone, a quel punto, proseguivano la fuga: quasi tutti si fermavano, prendevano il volantino in mano e lo guardavano tra l'incredulo e il piacevolmente colpito. Qualcuno addirittura chiedeva maggiori informazioni, oppure si lasciava andare a commenti del tipo "Finalmente una iniziativa per noi papà!". Ecco, questa frase dà nettamente il senso di ciò che sosteniamo da tempo. Noi maschietti non siamo cattivi (spesso): è che ci disegnano così. Certo esiste (e resiste) una corrente culturale che rimpiange il padre di una volta, quello che non stava mai a casa perchè doveva lavorare, che non prendeva mai in braccio i propri figli, che non giocava mai con loro, quello che puntava tutta la sua credibilità sulla distanza e su quel mal interpretato senso di responsabilità che non consente distrazioni emotive o affettive. Un padre maschio, mascolino, maschilista tutto da rivalutare (secondo tale corrente culturale), senza inutili cedimenti o controproducenti debolezze "da femmina". Che torni il Padre vero, quello con la P maiuscola e capace di dire l'ultima parola su tutto! Eppure la frequentazione che abbiamo con tanti papà - e tante mamme - ci dice che il padre (l'uomo) che da qualche tempo tenta di dichiararsi e di definirsi attore presente e attivo sulla scena familiare e sociale si muove su ben altri canali. Su quello del confronto, ad esempio, ed in misura massiccia.

Non è scontato pensare e soprattutto accettare che i papà abbiano idee, opinioni, "versioni dei fatti" autonome ed indipendenti su tutto ciò che accade in casa, crescita ed educazione dei figli compresi. Le ricerche e le inchieste di giornalisti, sociologi, psicoanalisti intorno alla figura del padre ci raccontano genitori maschi con un proprio vocabolario, magari ad oggi ancora non ben definito, non storicamente e socialmente strutturato né tantomeno accettato, eppure (almeno potenzialmente) capace di descrivere le dinamiche familiari ed i rapporti interpersonali dal punto di vista maschile senza operare né per sottrazione né per contrasto, ma in parallelo al lessico femminile. Cioè a dire cercando il dialogo con quella parte di mondo che, forse, a volte, si dimostra un po' freddo e sospettoso di fronte a questa possibilità che potrebbe ridefinire il nostro mondo: la costruzione di un lessico familiare finalmente condiviso. La domanda vera a questo punto è: cosa ci serve ancora - cosa ci manca - per fare finalmente outing?

Stefano Errico

Aprile 2001

La foto è tratta da: http://www.weathersealed.com/2010/02/10/he-said-she-said/

 
Design and SEO by Webmedie
SEO Bredbånd Udvikling Internet