Latte nero latte bianco

disegno di MayaI diversi volti dell’essere madre

Stilliamo latte bianco o... latte nero, dal nostro seno?
L’essere madre fa emergere un ricco ventaglio di sentimenti ed emozioni cui spesso non siamo preparate. Ciò porta a disorientamento, soprattutto quando ci troviamo di fronte ai volti neri della maternità: la depressione, la frustrazione, la rabbia verso i propri figli… Questa rubrica offre l’occasione di ridare senso e voce a quel groviglio emotivo che, in certi momenti, ci lascia senza fiato e prive di parole.

Se ne occupa Susanna Fresko, analista filosofa in formazione nonché madre, cui potrete inviare domande e pensieri.



Lingua madre PDF Stampa E-mail
rubriche - Latte nero latte bianco

cop_dean_falkÈ di recente uscito, per i tipi di Bollati Boringhieri, un libro la cui ipotesi centrale, verosimile o meno, mi pare di per sé di una “bellezza” degna di nota.
Sostiene la paleoantropologa Dean Falk, nel suo Lingua madre. Cure materne e origini del linguaggio, che il linguaggio abbia cominciato a svilupparsi in seno al rapporto madre-figli, a partire dalla progressiva assunzione della posizione eretta negli ominidi: tale posizione rese infatti sempre più arduo, per la madre, il mantenere un rapporto di contatto fisico con la prole – non potendo più tenere i propri cuccioli a sé avvinghiati (come nella posizione a quattro zampe tipica delle scimmie antropomorfe) e dovendoli piuttosto appoggiare a terra nel mentre si occupava della raccolta di cibo e quant’altro. Per mantenersi in relazione con i propri figli, le madri cominciarono allora a sviluppare la capacità di emettere suoni, vocalizzi sempre più articolati, così da trasmettere pur nella distanza la propria presenza e tenere saldo il filo della comunicazione.

Leggi tutto...
 
La dea impensata e il femminile pubblico PDF Stampa E-mail
rubriche - Latte nero latte bianco

dea_serpentiHo assistito di recente a un convegno presso l’Università di Milano-Bicocca, dal titolo “La dea impensata. Fine del patriarcato e immaginario femminile”, facente parte di un più ampio ciclo di convegni intitolato Il corpo dell’anima, promosso da Philo – Scuola superiore di pratiche filosofiche.
Attraverso una molteplicità di sguardi (filologico, filosofico, storico, “archeologico”, psicanalitico…), gran parte degli interventi è andato a toccare (e il corsivo intende sottolineare la fisicità e, appunto, corporeità del verbo) quella materia così feconda che ci è offerta dalle diverse mitologie arcaiche e antiche, nel tentativo direi riuscito di ricavarne “sostanza” utile alla costruzione di un’immagine del femminile che sia guida e ispirazione per l’oggi.

Leggi tutto...
 
Il valore aggiunto dell’essere madri PDF Stampa E-mail
rubriche - Latte nero latte bianco

mamma_lavoro_3 pat carraDa un punto di vista professionale, la maternità è di norma vissuta come una specie di “handicap”; questo, non solo da parte dei “datori di lavoro” (che siano essi di genere maschile o femminile) ma anche – e in maniera per alcuni versi ancor più decisiva – da parte delle stesse donne-mamme che… “vi hanno a che fare”.

Non a caso utilizzo un’espressione, “avere a che fare con la maternità”, che sembra togliere ogni poesia a questo momento, così importante nella vita di chiunque vi si ritrovi immerso. Ben sappiamo infatti che vi sono aspetti molto poco poetici persino in questo: uno fra gli altri – forse il più cocente – quello che riguarda il rapporto tra maternità e vita professionale.

Leggi tutto...
 
Rose e fiori o… croce e delizia? PDF Stampa E-mail
rubriche - Latte nero latte bianco

Tutto ciò che riguarda l’essere madre, la maternità, è spesso ammantato di pregiudizi e di luoghi comuni. Accade quindi che, messa di fronte all’esperienza dell’avere ma anche del non avere figli (che sia frutto di una scelta oppure no), una donna si trovi a dover fare i conti “persino” con quelli.
E primo fra tutti quel pregiudizio che, per esempio, costituisce quasi impercettibilmente la premessa stessa a queste poche righe iniziali: una donna, volente o nolente, è tenuta a fare i conti con la maternità – come se la maternità fosse “appendice” necessaria e inevitabile dell’essere donna. È cosa evidente: lo stesso non accade con l’uomo, relativamente al suo ruolo di padre.

Leggi tutto...
 


Design and SEO by Webmedie
SEO Bredbånd Udvikling Internet