blimunde.it
MUSICA DAL MONDO E DAI MONDI PDF Stampa E-mail
Notizie - Notizie dalle associazioni
full
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La sera di venerdì 14 Novembre alle 21 si animerà di musiche e culture dal mondo alla Casa dei Diritti, in via De Amicis, 10 a Milano, luogo multiculturale per eccellenza. . 

Protagonisti d’eccezione per un incontro di note in anteprima assoluta: Kento Masuda, pianista giapponese di grande talento in tournée italiana assieme alla cantante e ballerina Hiroko Tsuji, in arte Luna, Fabius Constable, geniale arpista, polistrumentista e compositore comasco assieme alla soprano Donatella Bortone e il musicista libanese Ghazi Makhoul all’Oud, il liuto arabo, le cui sonorità volano all’unisono con quelle dell’arpa.
Kento e Luna si esibiranno in classici dall’Estremo Oriente come “Sakura” e “Nennenkorori” e in brani come Shine OnKnots of Love o Luna Lullaby in Nostalgia.

Seguirà la leggendaria e intensissima “The Elphin Knight” con la voce potente di Donatella Bortone e le liriche corde vibranti dell’arpa di Fabius ConstablePaolo e Francesca, Sogno Dantesco,  lirico ardore della musica di Fabius e Donatella. Dall’arpa di Constable emergeranno gli esplosivi ritmi latini di “Tango Atlantico”, in cui il Tango s’abbraccia appassionato al Flamenco, e il lirismo d’amore di “A Bigger Dream”, composta, suonata e cantata da Constable stesso.
Le sonorità del Medio Oriente con la musica di Ghazi Makoul, brani come l’esotico “Maazouft El Sett” o “El Heloua di amet teejon bel faghryya” parlano del mondo arabo.

il Mondo, in questa serata sarà un’unica armonia nella Jam Session finalearpa, piano, voci, oud, Giappone, world music, Libano, in un unico, esplosivo ritmo al quale difficilmente il pubblico resisterà.
 
 
 
 
"Sguardi di donne sui fondamentalismi e i conflitti in medio-oriente. Confronti mediterranei" PDF Stampa E-mail
Notizie - Notizie Blimunde
 donne islamismo definitiva
Martedì 4 novembre alle ore 18.00 a Milano, presso Chiamamilano, via Laghetto n.2, si terrà
una tavola rotonda attorno alla quale alcune donne si confronteranno sul loro ruolo sociale tra fondamentalismi e conflitti e sulla loro esperienza personale rispetto a questa tematica. 
 
In apertura del dibattito verranno poste alcune domande:

"qual è il tuo sguardo di donna sui fondamentalismi e i conflitti in medio-oriente e come agisci nella tua realtà sociale in conformità con il tuo sguardo?"

"qual è il ruolo sociale delle donne tra fondamentalismi e conflitti?" 
 
L'obiettivo dell'incontro, non è tanto quello di "spiegare" tutta la complessità dei conflitti in medio-oriente, quanto quello di mettere attorno a un tavolo donne di diversa nazionalità e origine, che siano migrate in un senso o nell'altro o che siano rimaste nel paese dove sono nate ma che, per il loro percorso di vita, abbiano uno sguardo e un'azione rispetto alla questione dei conflitti in medio-oriente. 

L'aspettativa non è quella di esaurire un dibattito molto ampio in due ore, ma quella di parlare delle varie forme di "fondamentalismo"e di dare voce a un dibattito fatto di "confronti mediterranei" in opposizione a una "dimensione globale dei conflitti", partendo  dall'idea che ogni valido contributo può venire da vari lati del mediterraneo!
 
 
 
Firmato il Protocollo d'intesa contro la violenza di genere PDF Stampa E-mail
Notizie - Notizie Blimunde

firma-protocollo-intesa-620x320L'Associazione Blimunde, il Comune di Cernusco sul Naviglio, Itsos, Ipsia, ASL Milano 2, Azienda Ospedaliera di Melegnano, sindacati, Padri Somaschi, Ceaf, Cav (Centro aiuto alla vita), Gruppo Udi – Donnedioggi, Caritas e Carabinieri, hanno firmato il protocollo d'intesa,  lo scorso 20 ottobre, per la creazione di una rete in grado di promuovere azioni di contrasto alla violenza contro le donne e alla violenza di genere.

Vedi contributo pubblicato su cernuscodonna.it

 
SOCIAL FREEZING, è polemica! PDF Stampa E-mail
Notizie - Notizie Blimunde

congelamento-degli-ovuli 2Pubblichiamo un articolo di Lia Lombardi, sociologa e presidente dell'Associazione Blimunde, come contributo alla polemica sul congelamento degli ovuli, di cui si sta discutendo in questi giorni.


Il “congelamento sociale dell'uovo” è una pratica che si intende offrire (a pagamento) alle giovani donne che impegnate nella carriera o, ancor più, nella ricerca di un lavoro adeguatamente retribuito e qualificato, rischiano di raggiungere velocemente i quarantanni senza aver avuto la possibilità di una scelta procreativa e genitoriale. Consiste infatti nel congelamento degli ovuli in giovane età per poi poterli recuperare più avanti al fine di produrre una gravidanza. Questa offerta medico-tecnologica però non tiene conto né dei fattori biologici (ovuli di un corpo giovane per produrre una gravidanza in un corpo meno giovane) né dei fattori relazionali e sociali legati a un gap generazionale ampio, in un contesto di famiglie piccole o monogenitoriali. Quale scelta procreativa e genitoriale si sta offrendo alle donne e anche agli uomini? Forse quella di restare intrappolate in un lavoro malpagato, non qualificato e precario, in un welfare inconcludente, nell'impossibilità di costruire un legame affettivo per mancanza di tempo, ma con l'avveniristica opportunità di congelare i propri ovuli affinché un giorno potranno forse tentare una gravidanza, con bassissime percentuali di successo?

Leggi l'intero articolo

 
Lo Sportello Donna, un servizio per tutte le donne PDF Stampa E-mail
Approfondimenti - Violenza di genere

CadmoDriver littleUn articolo pubblicato su  la 27esima ORA di Corriere.it , evidenzia uno studio di Patrizia Farina del dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell’Università Milano Bicocca, da cui emerge che la donna che subisce violenza non é necessariamente disoccupata e non autonoma ma anzi molto spesso ha una posizione sociale ben definita.

Il dato colpisce, non solo perché offre lo spunto per parlare di un servizio come lo Sportello Donna, ma anche perché rileva che il disagio ed il bisogno di supporto interessano tutte le donne, indipendentemente dal ceto sociale di appartenenza e dal grado di scolarizzazione.

Negli anni il lavoro svolto dagli sportelli  ha rappresentato e rappresenta una porta aperta per le donne, un punto di riferimento, che insieme ad altri servizi sul territorio forma una rete di sostegno, di aiuto e di informazione nei casi più diversi.

I disagi che arrivano allo sportello sono diversi e spaziano dal bisogno di sostegno legale e/o psicologico dovuto alla separazione dall’ex compagno, al mancato pagamento degli alimenti da parte dell'ex-marito per il mantenimento dei figli, alla convivenza conflittuale perché la coppia appartiene a culture diverse, alla depressione legata alla solitudine, fino ai casi di maltrattamento e di violenza psicologica.

A questo proposito va detto che lo Sportello Donna di Cernusco sul Naviglio e dintorni è attivo dal 2008 e da marzo 2014 è affiancato anche da quello di Pioltello, in seguito ad una convenzione sottoscritta dalle due Amministrazioni comunali con Blimunde.

L'intervento del servizio è  facilitato dal passaparola, dai volantini diffusi sul territorio e dagli operatori dei servizi sociali e territoriali.
Inoltre hanno funzionato bene le reti amicali, parentali e di volontariato, che hanno accompagnato le donne in difficoltà.

Alla luce dei fatti di cronaca, avere sul territorio uno o più sportelli, rappresenta un grande valore aggiunto e una presenza sicura di ascolto e di aiuto rivolto alle donne.

Qui tutte le indicazioni per lo sportello donna di Cernusco S/N, Pioltello e dintorni

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 32
Design and SEO by Webmedie
SEO Bredbånd Udvikling Internet